Articoli

Lavoro gravoso o usurante: emerge la RABBIA

on

Parliamo ancora di questo argomento perchè qualcosa dentro di noi sta profondamente cambiando!

Questo argomento non solo ci riguarda tutti, ma ha il pregio (si fa per dire) di far emergere la rabbia di ciascuno di noi. Anche questa volta partiamo da alcuni interventi di autisti e padroncini che l’usura del lavoro se la vivono sulla loro pelle e che ci hanno scritto sulla pagina Facebook di «Professione Camionista».

Per la prima volta, emerge un atteggiamento diverso che qui vogliamo segnalare.

ATTEGGIAMENTO REMISSIVO

Ne abbiamo parlato anche a pagina 8 del nuovo numero di Professione Camionista, in edicola a fine maggio, dove abbiamo scritto alcuni dei vostri interventi, ma qui ci basta dire che il popolo dei camionisti su questo punto ha cambiato atteggiamento… Fino a qualche tempo fa, infatti, chi ci scriveva chiedeva informazioni, ma soprattutto protestava. Solo che, in quella protesta, c’era un modo di porsi piuttosto remissivo.

Ci arrivavano post del tipo: «Stiamo su un camion 12/15 ore al giorno e dobbiamo soffrire… che cosa ci possiamo fare?».

Insomma, si sentiva un forte scontento, ma anche la sensazione che nessuno si sarebbe mosso. Invece, ora le cose sono cambiate…

CHE STA SUCCEDENDO?

Agostino Arrigo ci scrive: «Blocchiamo tutto per una settimana e vedrete che diventa usurante lasciare i mezzi in azienda e rifiutarsi di uscire!».
Ignazio D’Asta dice: «Nonostante tutto, la colpa ce l’abbiamo noi perché siamo tutti pecoroni. Parliamo parliamo e poi ci accontentiamo».
Mario “U Re” Troppoli va oltre e dice: «Perché non siamo uniti, se fossimo Uniti da sud a nord, bloccavamo la nazione. Tutti a casa. Non doveva viaggiare nessuno. VIVA L’ITALIA».
Ezio Gatto aggiunge: «Siamo solo capaci di parlare col cell, ma a fatti non facciamo niente…».

Insomma, abbiamo scelto solo pochi interventi e abbiamo lasciato da parte quelli più incendiari, ma l’atmosfera sta cambiando. E noi ne prendiamo atto, con una domanda in più: che cosa sta succedendo? Siamo di fronte a una categoria che rialza la testa?

Commenta via Facebook

Consigliati per te

You must be logged in to post a comment Login